Tu sei qui: Home / Dizionario / Dazio doganale

Dazio doganale

  • Ingl. Customs duty
  • Fr. Droit de douane

Imposta, normalmente espressa in percentuale sul valore delle merci, che colpisce i prodotti importati all’atto della loro immissione in libera pratica  nel territorio doganale di uno Stato. Sono denominati “convenzionali” quei dazi che uno Stato applica alle merci scambiate con paesi con i quali è in vigore un accordo commerciale . Sono denominati “autonomi” i dazi applicati dalla UE (Unione Europea) nei confronti di paesi terzi  (Paese terzo), in base a delle risoluzioni che possono essere modificate parzialmente o totalmente in qualsiasi momento. Tali ”incombenze doganali “ sono a carico del compratore; fanno carico a quest’ultimo anche le spese e i rischi connessi ai ritardi negli adempimenti. Gli accordi GATT ( GATT/GATS) tendono al superamento delle politiche daziarie e quindi protezionistiche da parte degli Stati aderenti o quantomeno all’adozione di condizioni univoche e non preferenziali ( Most Favoured Nation Clause), qualora dazi debbano essere imposti per proteggere il sistema produttivo nazionale. La UE, in particolare, persegue una politica di azzeramento dei dazi ( Zero option) con tutti i paesi con i quali ha accordi di associazione, in una ottica di medio – lungo termine.