Tu sei qui: Home / Dizionario / Equalizzazione

Equalizzazione

  • Ingl. Equalisation
  • Fr. Equalisation

Tipologia di intervento di supporto pubblico relativa al credito agevolato all’export  che mira ad assicurare all’esportatore che svolge contratti di lunga durata, con pagamenti progressivi nel tempo, un tasso stabile di finanziamento per la sua operazione. Infatti, in questo tipo di contratti, la banca si riserva di stabilire volta per volta il tasso di sconto da applicare ad ogni successivo titolo di credito maturato dall’operatore e ciò in relazione agli andamenti della valuta coinvolta. D’altra parte, gli obblighi consensus  impongono all’operatore di offrire all’acquirente estero un tasso fisso CIRR  per tutta la durata dell’operazione.

Per contratti (forniture complesse, lavori, impianti) che possono durare vari anni, è ovvio come esista il rischio di una fluttuazione del tasso applicato dalla banca, che può andare sia al di sopra che al di sotto del CIRR. L’intervento dell’agenzia pubblica, in Italia Simest , assicura la stabilizzazione finanziaria in favore dell’operatore, erogando il contributo in conto interessi in caso di margine negativo e introitando, viceversa, la differenza in caso di margine positivo.

E’ attualmente la fattispecie di intervento sul credito export più richiesta dagli operatori, in quanto il quadro di bassi tassi di interesse sulle principali valute di finanziamento internazionale fa sì che i margini agevolativi sulle operazioni ordinarie (tasso fisso) siano poco appetibili. Per un'esemplificazione di un intervento di stabilizzazione.

Intervento di equalizzazione per credito export in euro (3 anni)

Semestre 1

Semestre 2

Semestre 3

Semestre 4

Tasso contrattuale offerto all’operatore = 3,94% fisso per tutta la durata del contratto

Tasso bancario 5%

Tasso bancario 4%

Tasso bancario 3,5%

Tasso bancario 3,5%

+ 1,06%

+ 0,6%

- 0,44%

- 0,44%

Nota:

-      Simest eroga contributo: +

-      Simest introita contributo: -