Tu sei qui: Home / Dizionario / Marchio internazionale

Marchio internazionale

Il sistema di Madrid si basa sulla cooperazione tra gli Uffici Nazionali dei Paesi Contraenti (detti “Uffici d’Origine”) e l’Ufficio Internazionale che detiene il registro internazionale dei marchi. Il principale vantaggio è costituito dalla presentazione di un’unica domanda internazionale, in un’unica lingua, attraverso il pagamento di un’unica serie di tasse e in base a un’unica serie di scadenze. Anche il mantenimento e/o il rinnovo della registrazione, nonché eventuali annotazioni e trascrizioni avvengono attraverso un’unica procedura.
E’ importante evidenziare che, se uno o più Stati rifiutano la registrazione del marchio internazionale, questo rimane efficace negli altri Stati designati, dove non si sono avute contestazioni.

Sulla base di una domanda o di una registrazione di marchio nazionale italiano è possibile, con un'unica procedura amministrata dall’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI), registrare lo stesso marchio negli 89 Paesi aderenti all’Unione di Madrid (Accordo di Madrid e Protocollo di Madrid).                                                                                 

La domanda di registrazione di marchio internazionale può essere presentata:

  • sulla base di una precedente registrazione di marchio nazionale (come richiesto dall’Accordo di Madrid), oppure
  • su una domanda di registrazione di marchio nazionale con riserva di registrazione successiva (come previsto dal Protocollo di Madrid).

Alcune modifiche del Regolamento di esecuzione comune all'Accordo di Madrid e al relativo Protocollo hanno sancito la prevalenza del sistema del Protocollo su quello dell'Accordo (la cosiddetta “clausola di salvaguardia”); ne consegue che, poiché allo stato attuale solo l’Algeria appartiene unicamente all’Accordo, la domanda internazionale di regola si basa sulla domanda di registrazione nazionale.

La registrazione internazionale si ottiene presentando presso le Camere di Commercio:

  • una domanda redatta in bollo da € 16,00
  • formulario OMPI in duplice copia (2 originali), compilato nella lingua (inglese o francese) del modulo scelto in base ai criteri di seguito elencati. Se la domanda riguarda:
         - la designazione della sola Algeria, che aderisce unicamente all’Accordo: 

       è necessario utilizzare per il deposito il formulario MM1
     - la designazione di Paesi che aderiscono al solo Protocollo e/o ad Accordo più

       Protocollo: è necessario utilizzare per il deposito il formulario MM2
     - la designazione dell’Algeria, unitamente ad altri Paesi che aderiscono all’Accordo

       e/o al Protocollo: è necessario utilizzare per il deposito il formulario MM3

  • atto di procura o lettera di incarico in bollo o riferimento ad altra già presentata all’Ufficio, corredata dalla ricevuta di versamento di € 34,00 sul conto corrente postale n° 82618000 intestato a "Agenzia delle Entrate " qualora vi sia un mandatario per la presentazione della domanda; in alternativa è possibile autocertificare la qualità di mandatario secondo le norme vigenti, fermo restando il versamento della tassa prevista
  • ricevuta del versamento della tassa di concessione governativa di € 135,00 da effettuarsi  sul conto corrente postale n° 82618000 intestato all' Agenzia delle Entrate –
  • ricevuta del versamento delle seguenti tasse internazionali a favore di WIPO/OMPI, qualora non si abbia un conto corrente aperto presso lo stesso (gli importi sono espressi in franchi svizzeri)