Tu sei qui: Home / Dizionario / Procedura domiciliata di sdoganamento

Procedura domiciliata di sdoganamento

La procedura di domiciliazione, prevista nel più ampio contesto delle procedure semplificate, permette di effettuare operazioni doganali (import-export), direttamente dal magazzino del beneficiario, senza più l'obbligo di presentare le merci in dogana (art. 76 - par. 1 - lett.c) del Codice Doganale Comunitario

Il beneficiario può essere qualsiasi soggetto che svolga abituali e ricorrenti operazioni di scambio con l'estero, anche se con carattere discontinuo o stagionale, che abbia idonea organizzazione e contabilità aziendali, che sia disposto a fornire idonea garanzia e che sia in possesso dei requisiti soggettivi prescritti, quindi possono essere  imprese industriali, commerciali ed agricole, nonché le imprese che svolgono attività di intermediazione, agenti in rappresentanza indiretta ( a nome proprio e per conto di terzi ).
La domanda di autorizzazione deve  contenere:
A) I dati identificativi della società (ragione sociale - indirizzo - P.IVA- tipo di attività)
B) Il luogo designato per l'arrivo e la partenza delle merci
C) I  regimi doganali (regime doganale) per i quali si chiede il beneficio della procedura di domiciliazione:
     -Immissione in libera pratica / importazione definitiva
     -Transito (Transito comunitario esterno Transito comunitario interno
     -Deposito doganale  (può essere concesso solo se il richiedente è già stato autorizzato 

      alla gestione  di un deposito   doganale)
     -Perfezionamento attivo
     -Trasformazione sotto controllo doganale
     -Ammissione temporanea
     -Perfezionamento passivo
     -Esportazione
I soggetti intermediari, agenti in rappresentanza indiretta, non possono effettuare operazioni in regime di perfezionamento attivo e/o passivo, nonché in regime di ammissione temporanea e trasformazione sotto controllo doganale (cfr. circolare n.11/D del 14.02.2001).